Pubblicato in: News

WIP Volume 3

Ci siamo quasi.

Steamwitch 3 wip

Annunci
Pubblicato in: News

Gadget

In vista di una possibile presentazione al Garben Fantasy 2018, ho pensato di produrre qualche gadget. Da sinistra: magnete, spilletta, portachiavi.

Magnete

Pubblicato in: Personalità in Steamwitch Inc

Francis Albert Augustus Charles Emmanuel

Francis Albert Augustus Charles Emmanuel
o
Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha

01_prince_albert_404387

Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha (Castello di Rosenau, 26 agosto 1819 – Windsor, 14 dicembre 1861) fu il marito della regina Vittoria e principe consorte del Regno Unito.

Nato in Sassonia, membro della famiglia dei duchi di Sassonia-Coburgo-Saalfeld, connessa con la maggior parte dei monarchi europei, all’età di 20 anni sposò la sua prima cugina, la regina Vittoria del Regno Unito, con la quale ebbe nove figli. In un primo momento Alberto si sentiva quasi costretto nella sua posizione di principe consorte che non gli conferiva alcun potere specifico. Col tempo egli seppe invece dare grande risalto alla sua persona e conseguentemente anche al suo ruolo sociale, prendendo posizione in molte cause pubbliche come le riforme sull’educazione e l’abolizione della schiavitù nei territori dell’Impero Britannico, oltre ad accollarsi il non facile compito di gestire la corte inglese.

Molto coinvolto nell’organizzazione della Great Exhibition del 1851, Alberto contribuì fortemente allo sviluppo della monarchia costituzionale inglese nell’Ottocento, persuadendo la moglie a divenire una figura predominante della scena politica nazionale. Morì di cancro allo stomaco alla giovane età di 42 anni, lasciando la regina in un profondo lutto che la accompagnò per tutto il resto della sua lunga vita.

Fonte: Wikipedia (https://it.wikipedia.org/wiki/Alberto_di_Sassonia-Coburgo-Gotha)

Nel mondo di Steamwitch Inc, Alberto di Sassonia è già rettore dell’Università di Cambridge nonché vecchio amico del padre di Pepper, la quale l’ha sempre chiamato affettuosamente ‘zio’.

Pubblicato in: News

Garben Fantasy 2018

Garben Fantasy 2018_02

E per il terzo anno consecutivo si torna a parlare del Garben Fantasy, giunto alla terza edizione.
Per chi non lo sapesse, è un festival a tema fantasy che si svolge ad aprile (quest’anno il 7 e l’8, con cena medievale la sera del 6) a Garbagnate Milanese (MI). Durante la prima edizione ho presentato Il Cavalier Buffone e accennato a Steamwitch Inc. Quest’anno sto cercando di replicare, ma la parola finale resta agli organizzatori.

Comunque vada, cominciate a segnarvi le date sul calendario. Seguiranno aggiornamenti.

Pubblicato in: Personalità in Steamwitch Inc

Georg Simon Alfred Ohm

Georg Simon Alfred Ohm

01_georg_simon_ohm

Georg Simon Alfred Ohm (Erlangen, 16 marzo 1789 – Monaco di Baviera, 6 luglio 1854) è stato un fisico e matematico tedesco. Fratello del matematico Martin Ohm. Come insegnante di scuola superiore, Ohm iniziò la sua ricerca con la nuova cella elettrochimica, inventata dallo scienziato italiano Alessandro Volta. Utilizzando attrezzature di sua creazione, Ohm si accorse che esiste una proporzionalità diretta tra la differenza di potenziale (o tensione) applicata attraverso un conduttore e la corrente elettrica risultante. Questa relazione è nota come legge di Ohm.

Ciò che ora è conosciuto come la legge di Ohm compare per la prima volta nel famoso libro Die galvanische Kette mathematisch bearbeitet (tr., il circuito galvanico dimostrato matematicamente) (1827), in cui egli diede la sua completa teoria sull’elettricità. In questo scritto, Ohm ha dichiarato che la sua legge per la forza elettromotrice che agisce tra le estremità della parte di un circuito è il prodotto della forza della corrente e la resistenza della parte del circuito.
Il libro inizia con una base matematica necessaria per la comprensione del resto del lavoro. Noi dovremmo osservare qui che tale base matematica era necessaria anche ai più importanti fisici tedeschi per capire il lavoro, per l’enfasi di quel tempo continuava un approccio non matematico alla fisica. Noi dovremmo anche considerare che, a dispetto degli sforzi di Ohm in questa introduzione, egli non ebbe realmente successo nel convincere i vecchi fisici tedeschi che l’approccio matematico fosse giusto. Ohm presenta la sua teoria come un’azione contigua, una teoria che oppone il concetto di azione alla distanza. Ohm credeva che la conduzione di elettricità avvenisse tra “particelle contigue” che è la durata che Ohm impiega. Il giornale è concerne con quest’idea, e in particolare nell’illustrare le differenze nell’approccio scientifico tra Ohm e quello di Fourier e Navier.

Uno studio dettagliato del quadro concettuale utilizzato da Ohm nella produzione della legge è stata presentata da Archibald. Lo scritto di Ohm segna l’inizio precoce del tema dell’analisi dei circuiti elettrici, anche se questo non è diventato un’importante campo fino alla fine del secolo.

Fonte: Wikipedia (https://it.wikipedia.org/wiki/Georg_Ohm)

Nel mondo di Steamwitch Inc, Pepper Mint trova la soluzione al problema del pressglove applicando la cosiddetta legge di Ohm.

Pubblicato in: News

Aggiornamenti (Volume 4)

In attesa delle illustrazione del Volume 3 (L’Ordine di Latona), che per inciso è terminato e pronto a uscire, mi preme segnalare che non sono stato con le dita in mano: il 4° volume è quasi terminato e il 5° già iniziato.

Non scherzo, due capitoli e ci sarà una nuova storia pronta a uscire (e altro lavoro per il buon Lenny).

Volume 4

Pubblicato in: News

Buone Feste

Pepper e Rubimonda vi augurano buone feste. Avrebbero voluto darvi il terzo volume, ma non è stato possibile. Per un buon motivo, stavolta, visto che Lenny lavora molto, il lavoro per fortuna ha ripreso a girare e sono felice per lui.

Ce la farà, ha promesso, e io ho fiducia.

Steamwitch_Christmas_Logo

Pubblicato in: News

WIP Cover Volume 3

Non ci siamo dimenticati il terzo volume, solo che si cerca di fare sempre meglio. Per ingannare l’attesa, un piccolo scorcio della cover de L’Ordine di Latona.

wip3

Pubblicato in: News

Intervista È Scrivere

Intervista È Scrivere.
E ovviamente si parla di Steamwitch Inc.

Wormhole Diaries

Lunedì 20 novembre, sul gruppo Facebook È Scrivere è stata pubblicata, come di consueto, un’intervista a un autore. A questo giro è toccato a me e ne sono stato onorato. Di seguito riporto domande e risposte.

escrivere

1.Presentati in poche righe. Chi sei? Da quanto tempo scrivi? Non rispondere “da quando ero piccolo/a” o ti banniamo.  Vogliamo sapere da quanto tempo scrivi seriamente, con l’intenzione di pubblicare.1.Presentati in poche righe. Chi sei? Da quanto tempo scrivi? Non rispondere “da quando ero piccolo/a” o ti banniamo.  Vogliamo sapere da quanto tempo scrivi seriamente, con l’intenzione di pubblicare.
Mi chiamo Fabrizio, per mangiare faccio l’impiegato, nel tempo libero insegno arti marziali, faccio il papà, bevo e mi adopero come scribacchino. A tal proposito, visto che mi chiedete da quanto tempo scrivo…E se invece fosse davvero da piccolo? Ero ambizioso, scrivevo fanfiction di Lone Wolf (i celebri Librogame del compianto Joe Dever), oppure trasponevo le…

View original post 1.456 altre parole

Pubblicato in: Funny

Halloween e Steamwitch

Halloween, la grande festa importata che scatena polemiche e menefreghismo un po’ qua e un po’ là. Halloween è comunque una ricorrenza importante per Steamwitch, ora vi racconto perché.

Correva l’autunno 2015, mia figlia voleva tanto trascorrere Halloween a Leolandia, vestita da streghetta (abbigliamento che contrasta così tanto coi suoi boccoli biondi da renderla più bella di quanto già è). Decidiamo di accontentarla, una volta lì, tra il caos di persone, la musica, i suoni e le corse per andare ai vari eventi, ha cominciato a montare la mia solita ansia, che di solito si accentua proprio in presenza di molta gente.
Mia moglie suggerisce uno spettacolo al coperto, così andiamo, ci sediamo, io mi rilasso un momento e… comincia.
La storia narrava di una strega a cui mancava un ingrediente, così chiamava il suo servo e lo mandava in città a prenderlo. Il… il resto non me lo ricordo per il semplice fatto che questo incipit mi ha acceso l’idea di Steamwitch, così ho trascorso il resto dello spettacolo a pensare a un titolo, che poi è ufficialmente nato la mattina successiva.
In una settimana avevo l’idea, la traccia per il primo volume e riuscii anche a concepire tutto l’arco narrativo sino al trentesimo. Due mesi dopo il testo era terminato e editato.

Poi è scattata la ricerca all’illustratore, ma questa è un’altra storia.

Witch